giovedì 15 Aprile 2021

Cerchi un articolo? Usa Unpaywall!

Ci capita spesso di dover cercare un articolo per approfondire un argomento o affrontare un problema clinico immediato

Non tutti abbiamo a disposizione una biblioteca virtuale che ci corra in aiuto e molti degli articoli che cerchiamo sono a pagamento.

Che fare?

 

Unpaywall

Sappiamo che a mali estremi possiamo ricorrere a Sci-Hub,  archivio online gratuito di oltre 62 000 000 articoli scientifici, fondato il 5 settembre 2011 da Alexandra Elbakyan, una sviluppatrice software e ricercatrice sulle nanotecnologie del Kazakistan.

Sappiamo anche però che questo è ritenuto illegale.

Sci-Hub

 

Esiste oggi un nuovo strumento che ci consente, a detta dei suoi creatori  Heather Piwowar e Jason Priem, di reperire in modo assolutamente legale dal 50 al 85% il testo completo degli articoli, a seconda dell’argomento e dell’anno di pubblicazione

Si chiama appunto Unpaywall.

Non è altro che un estensione di un browser che ci consente di avere accesso agli articoli che stiamo cercando su Pubmed o altri database.

Estensione, al momento, installabile su Chrome  e Firefox.

 

Come funziona?

Facciamo la nostra ricerca, se il lucchetto di Unpaywall diventa verde vuol dire che l’articolo è disponibile e scaricabile in full test.

Facile vero?

Unpaywall-esempio

 

Cerchiamo di capire un po’ di più leggendo le FAQ sul sito di Unpaywall.

 

Chi c’è dietro?

Heather Piwowar e Jason Priem sono i fondatori del sito web opensource Impactstory, che ha lo scopo di aiutare i ricercatori a esplorare e condividere l’impatto online delle loro ricerche.

 

Come raccolgono gli articoli full-text?

Raccolgono contenuti da migliaia di reposistories in tutto il mondo.

Raggiungono lo scopo utilizzando database quali PubMed Central, the DOAJ, Crossref, DataCite, Google Scholar, e BASE.

Messi tutti i dati insieme, li rendono open per il riutilizzo mediante l’API oaDOI.

 

Quali le differenze rispetto a Sci-Hub?

La differenza principale è che Unpaywall mette a disposizione articoli liberamente caricati degli stessi autori della ricerca o dello studio.

Gli autori sottolineano che, sebbene non contrari a Shi-Hub ( we’re not against Sci-Hub ), questo modo di procedere, agendo all’interno della legge, è più sostenibile e in grado si supportare maggiormente il movimento Open Access.

 

Quali invece rispetto a OA button?

Entrambi sono progetti open access, ma OA Button è dotato di servizi aggiuntivi come author emailing and finding open datasets.

 

OA_button

 

Nessun tracciamento!

Heather Piwowar e Jason Priem tengono a sottolineare che attraverso l’uso della loro estensione la nostra privacy sarà rispettata.

 

Impostare il codice colore

E’ possibile impostare  l’estensione su OA Nerd Mode cliccando su setting dell’icona dell’estensione del nostro browser.

Possiamo così comprendere meglio l’origine dei diversi articoli

OA_Nerd

 

  • Gold tab for Gold OA, articles available from the publisher under an open license. (example)
  • Green tab for Green OA articles on a preprint server or institutional repository. (example)
  • Blue tab for articles available on the current page, but lacking license information (often that’s because you’re browsing from behind the paywall). (example)

 

Considerazioni finali

Certo, non pensiamo di trovare su Unpaywall tutto quello che ci serve.

In particolare, penso sia difficile ottenere articoli recenti pubblicati su riviste di rilievo.

Il sistema però è facile da usare e un tentativo in tal senso credo meriti di essere fatto, nella speranza che, prima o poi, la maggior parte della letteratura scientifica diventi veramente Open Access.

E voi conoscevate questa risorsa? La utilizzate?

 

 

Carlo D'Apuzzo
Ideatore e coordinatore di questo blog | Medico d'urgenza in quiescenza | Former consultant in Acute Medicine | Specialista in medicina interna indirizzo medicina d’urgenza e in malattie dell’apparato respiratorio | #FOAMed supporter | @empillsdoc

2 Commenti

    • Sara,
      grazie del tuo commento e del suggerimento
      Le banche dati EBSCO che comprendono DynamedPlus, Cochrane Collections Plus e Medline complete rappresentano una risorsa preziosissima per le ricerche online di medici ed odontoiatri.
      Non sono a conoscenza di accordi presi in tal senso anche per gli infermieri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

dal nostro archivio

I più commentati