domenica 16 Giugno 2024

Dispnea acuta: BNP a tutti?

Credo che siamo tutti d’accordo nel dire che il nostro è un lavoro difficile e che  le decisioni che prendiamo ogni giorno sono frutto di un ragionamento complesso. Per questo , siamo alla costante ricerca del test magico, che ci guidi nelle nostre scelte portandoci nella direzione giusta, senza troppi patemi.
Cosi, molti sicuramente hanno salutato con entusiasmo l’introduzione della pratica clinica del peptide natriuretico come marcatore di scompenso cardiaco nei pazienti con dispnea acuta

Numerosi studi hanno enfatizzato l’utilità del BNP o del NT pro BNP nella diagnosi di scompenso cardiaco e, d’altro canto, sopratutto nella popolazione anziana una quota consistente dei pazienti che si presenta in pronto soccorso ha una dispnea la cui genesi è mista : cardiaca e respiratoria. Dobbiamo quindi eseguire a tutti il dosaggio del BNP al fine di identificare la quota di pazienti in cui lo scompenso cardiaco non risulta immediatamente evidente, ma suscettibile di un trattamento mirato?
A questa domanda cerca di dare una risposta la metanalisi pubblicata nell’ultimo numero dell’ American Journal of Emergency Medicine.
Gli autori hanno esaminato 4 trials per complessivi 2041 pazienti che si erano presentati in DEA con dispnea acuta. Obiettivo della metanalisi valutare quanto la determinazione del BNP o de l NT-proBNP  fosse in grado di influenzare:

  • la percentuale di ammissioni in ospedale
  • il tempo di dimissione dall’ospedale, sia per i pazienti ricoverati che per quelli dimessi dal PS
  • la durata del ricovero ospedaliero
  • la mortalità a 30 giorni
  • a percentuale di riammissioni in ospedale a 30 giorni
  • i costi complessivi
Quali sono stati i risultati?
Gli autori concludono che al momento non vi sono dati sufficienti per consigliare l’esecuzione del test in tutti i pazienti in quanto, questo,  non sarebbe in grado di modificare nè  la percentuale nè la durata del ricovero, la quota  di riammissioni e la mortalità, mentre determinerebbe una riduzione del tempo di dimissione e dei costi complessivi.
Volendo fare un piccolo commento mi sembra improbabile che questo studio possa modificare il nostro comportamento. Il BNP , a torto o a ragione , fa parte ormai del nostro bagaglio culturale e difficilmente i più ci rinuncerebbero. Riduzione dei costi e del tempo di dimissione dall’ospedale sono poi due outcomes tutt’altro che trascurabili.
Carlo D'Apuzzo
Carlo D'Apuzzo
Ideatore e coordinatore di questo blog | Medico d'urgenza in quiescenza | Former consultant in Acute Medicine | Specialista in medicina interna indirizzo medicina d’urgenza e in malattie dell’apparato respiratorio | #FOAMed supporter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

dal nostro archivio

I più letti