7
Feb
2012
0

E questo cos’è?

A volte ci capita di imbatterci in cose che non abbiamo mai visto e di cui ignoriamo persino l’esistenza. Devo dire che mi capita non infrequentemente di sperimentare questa frustrante sensazione di fronte alle malattie della pelle. Non sempre poi abbiamo a disposizione un dermatologo e, diciamolo tutta, non sempre quest’ultimo è in grado di fornirci una diagnosi precisa, almeno per quello che è la mia esperienza.

Ho incontrato la “proprietaria” di questi piedi circa due mesi fa in una notte di guardia. La paziente era venuta in pronto soccorso a causa di un episodio di orticaria e fin qui niente di strano, ma quello che ci colpì furono proprio i suoi arti inferiori.

La storia clinica della paziente, una donna di circa 70 anni di età,  era caratterizzata da un ipertiroidismo trattato con radioiodio cui era conseguito un ipotiroidismo in terapia sostitutiva e da una malattia infiammatoria intestinale. Un recente dosaggio ormonale documentava FT3 e FT4 in limiti di norma.e l’IBD era in remissione da anni.
Da molto tempo la paziente aveva iniziato ad avere una secchezza anomala della cute e da alcuni anni sviluppato quelle tumefazioni che via via erano diventate più grandi e si presentavano di consistenza molliccia alla palpazione.Gli endocrinologi che l’avevano in cura le avevano proposto di rimuovere per analizzarli, ma lei era dubbiosa: ” li ho da così tanto tempo” ci disse.
Sul referto della specialista si leggeva dermatite di verosimile eziologia autoimmune. Sono andato a cercare sul Fizpatrick ma non ho trovato che i classici quadri di mixedema che però niente hanno a che vedere con queste lesioni cutanee.
Leggendo qua e là ho trovato che l’ipotiroidismo si  può associare a numerose malattie della pelle tra cui:
– dermatite erpetiforme
– dermatite atopica
– orticaria
– l’ittiosi
Personalmente penso che quest’ultima possa essere la diagnosi corretta ma restiamo in attesa di un eventuale esame istologico , sempre che la paziente si convincesse a farsi asportare quei noduli .
Ho deciso di condividere queste immagini anche prima di una diagnosi definitiva curioso di sentire la vostra opinione , anche se sento già Pg63 dire” ma lo vuoi capire che non si può sapere tutto; anziché perdere tempo a cercare di qua e di là, non potevi mandarla dal dermatologo!”
Per quei pochi che non lo sapessero Pg63 è un assiduo e polemico commentatore di questo blog.
Aggiornamento 17 dicembre 2013
Non avendo avuto più notizie della paziente e avendo ricevuto pochi feedback sia sul blog che su twitter, ho deciso di postare le immagini in un gruppo di dermatologia su Facebook.
Questa la risposta che ho ottenuto:
iperplasia pseudoepiteliomatosa da linfedema cronico,  detta anche “elephantiasis nostras verrucosa“. In parole povere un’ispessimento reattivo della cute dovuto ad un linfedema o ad un mixedema.
E poi dicono che Facebook non serve a niente…
0

Potresti anche essere interessato a

Calma Apparente
L’Acqua e lu Sali: voce fuori dal coro sulle iponatremie. Parte 1
Crederci sempre arrendersi mai – 2
DRESS che?

14 Commenti

  1. In effetti…ma a quanto ne so, la paziente non è venuta in DEA per questo motivo, giusto (in tal caso avrei provveduto a mandare due righe al MMG)?
    Io manderei la paziente dal Dermatologo, assieme alla mia e-mail, per sapere, in caso di diagnosi, cosa cavolo siano queste lesioni…Io propenderei per dermatosi iperplastica (meccanica? Recklingausen variante?)…ma la verità è che spererei che il medico di famiglia (lo scrivo minuscolo) avesse già provveduto da tempo (la paziente li ha da “così tanto tempo) a mandare la paziente dal Dermatologo (ma, a quanto ho capito, questo non è mai avvenuto)…
    La patologie dermatologica (e lo dico da Tropicalista) è una delle più affascinanti e difficili da diagnosticare…Spero che qualcuno riesca a dare un nome alla forma postata dal Dr. D’Apuzzo, sempre pronto a farci spremere un po’ le meningi (per fortuna c’è ancora qualcuno che cerca di farci pensare!).

  2. I wonder if it is extreme untreated eczema. Her ankle looks like eczema. Is it possibly eczema? Then to treat it, perhaps some Clobetasol Propionate Cream USP, .05% and Urea Cream 40-50% applied generously twice a day for 30 days.

    This is completely a guess. I am not a doctor.

  3. Susan,
    thanks for your comment. I don’t think this could be an eczema even if it could resemble it watching the picture.Still, waiting the biopsy results of the soft tissue nodes. I’ll let you know.

    1. Walter

      Quoto Stefano, non fermiamo la nostra curiosità anche se non fa parte delle ‘nostre competenze’ strictu sensu.

      Quante e quante volte arrivano da noi in reparto di chirurgia generale (io sono solo un interno eh! :D) pazienti mandati in visita con patologie di pertinenza del dermatologo.
      E’ giusto saper riconoscere una porpora, una sclerodermia e così via (magari anche limitandosi ai casi clinici più ovvi) anche se non fa parte delle proprie conoscenze obbligatorie.
      Ora so che esiste anche un’elefantiasi da linfedema cronico.

  4. Mario

    Carlo grazie come sempre. Ma, da endocrinologo, ancora “più grazie”. Lesioni mai viste da me e dal gruppo con il quale ho lavorato per 12 anni. Atteno con ansia il referto dell’istologico.

Lascia un commento

EMPills newsletter
Leggi gli ultimi post pubblicati sul blog
Rispettiamo la tua privacy