sabato 6 Marzo 2021

ECG TIPS’n TRICKS : “Non solo Sgarbossa …”

694940094001_1039381710001_Heart-ECG

 

Abbiamo diverse volte affrontato qui su EMPILLS argomenti inerenti l’ECG e la sua difficoltà interpretativa nel dubbio di lesione ischemica quando è presente la condizione di blocco di branca sinistra e già sappiamo bene come avvalerci dei criteri di SGARBOSSA per cercare di uscire ” vincitori ” da questa interpretazione difficile;

ECG - LBBB

 

Il blocco di branca sinistro ha, infatti, data la sua particolare rappresentazione grafica dovuta al disturbo conduttivo, la caratteristica di nascondere quelli che normalmente sono i segnali indicatori di danno ischemico acuto cardiaco.

Oggi, invece, parleremo di quali altri segni elettrocardiografici possano esserci di aiuto in questo difficile ” agone ” interpretativo: Il segno di CABRERA ed il segno di CHAPMAN !!!

Quirky-face-toad-question-mark-copy

 

E CHE COSA SONO ????

  • Il segno di CABRERA:

Il segno di Cabrera è un segno di probabile presenza di un danno ischemico acuto consistente in ” un’  intaccatura ” presente a circa 40 millisec.  dell’onda S visibile nelle derivazioni V3 e V4 in un ecg con chiaro aspetto di blocco di branca sinistra.

figbb4

La sensibilità di questo segno è , ahimè, non elevata e si aggira intorno al 27%.

  • Il segno di CHAPMAN:

Il segno di Chapman, così come il precedente, indica una lesione miocardica acuta in corso di blocco di branca sinistra e consiste in ” un’intaccatura ” presente sull’ onda R nelle derivazioni D1, aVL e V6.

ChapmansSign-LBBB-WM1

 

Anche in questo caso la sensibilità del segno non è elevata, ma la specificità è davvero elevata e si aggira intorno al 90%.

Un caso clinico ad esempio è descritto nel seguente post del Dr Smith:

 

http://hqmeded-ecg.blogspot.it/2011/07/left-bundle-branch-block-and-left.html

homer

 

CONSIDERAZIONI …

Capita spesso di incontrare atteggiamenti scettici o quantomeno dubbiosi nei confronti di questi segni elettrocardiografici che, se da un lato non sono certo patognomonici, dall’altro possono aiutare in un setting di emergenza urgenza soprattutto ad orientarci su una priorità di dubbio clinico tra un ecg ed un’altro.

La stesura dei criteri di SGARBOSSA prima e la loro ” rivisitazione ” da parte del Dr SMITH ha concretamente dato una mano in questo senso migliorando la capacità valutativa e quindi l’outcome del paziente.

4f7d20186cda70329fd299b16524104a

Felice Arcamone
Emergency Triage Nurse U.O. Pronto Soccorso A.O.R. S. Carlo – Potenza – Appassionato di semeiotica e di cardio aritmologia, @felixarcamone

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

dal nostro archivio

I più commentati