5
Set
2011
7

Intubazione orotracheale: istruzioni per l’uso

Una delle cose che mi piace fare è andare sul web alla ricerca di risorse che possono esserci utili nel nostro lavoro di tutti i giorni. Il classico metodo di apprendimento guarda . prova con il mio aiuto, fai da solo, è stato affiancato della possibilità di accedere a risorse multimediali, i video in particolare, che possono essere utilizzate all’infinito. L’intubazione orotracheale è, per svariati motivi, una delle procedure più ostiche per il medico d’urgenza; il video che vi propongo oggi  ha il grande pregio di rendere semplice una cosa che semplice non è.

httpvh://vimeo.com/17542057

L’autore è il solito Scott Weingart  di EMcrit che, attraverso un passo passo, ci svela tutti i trucchi e le astuzie di questa procedura. La procedura si prefigura infatti, come l’ottenimento di tanti piccoli obiettivi da raggiungere, il mancato raggiungimento dei quali, rende praticamente certo il fallimento dell’obiettivo finale : l’intubazione, per l’appunto. Il video è di per sè molto esplicativo, ma ho pensato di sottolinearne i punti più importanti attraverso le immagini.

Posizione dell’annusatore
Posizionare il paziente in modo corretto. Questo è il primo passo ed è sicuramente tra i più importanti. Fare in modo che  il meato acustico esterno e il giugulo giacciano su uno stesso piano. Per fare questo bisogna sollevare il capo del paziente mettendo uno spessore. Una traversa ripiegata fa sovente al caso nostro.

Apertura della bocca
Una volta posizonato il paziente, è necessario aprire bene la bocca dislocando così anteriormente la mandibola.

Inserimento del laringoscopio

A questo punto inseriamo delicatamente e centralmente il laringoscopio seguendo il decorso della lingua senza esercitare alcuna forza o pressione sino a raggiungere e vedere  la vallecola dell’epiglottide , cioè lo spazio tra base della lingua ed epiglottide

Nelle persone con ampia cassa toracica , obese o in gravidanza può risultare difficile il normale inserimento del laringoscopio . In questi casi l’ostacolo può essere superato inserendo quest’ultimo di taglio all’angolo della bocca e successivamente ruotarlo di 90°

Compressione cartilagine tiroidea
Il passo successivo è rappresentato dalla compressione della cartilagine tiroidea in modo da trasformare la vallecola, da spazio virtuale in spazio reale; a questo punto è necessario esercitare una forza verso l’alto in modo da vedere l’adito laringeo e le corde vocali.  Anche qui, se non si riesce a vedere la vallecola inutile proseguire, l’intubazione esofagea è praticamente certa

Inserire il tubo endotracheale

Al fine di evitare che il tubo ostruisca la visione è bene, inizialmente,  mantenerlo orizzontale e verticalizzarlo poco prima del passaggio delle corde vocali

Visione endoscopica
Ora vediamo i vari passaggi attraverso la visione endoscopica
Inserire il laringoscopio
Visualizzare l’epiglottide
Comprimere manualmente la cartilagine tiroidea
Visualizzare l’incisura posteriore
Individuare le corde vocali

Far passare il tubo

 

Ovviamente tra il dire e il fare… Il grande pregio di questo video é di fornire uno schema  che, se tenuto a mente, migliorerà di molto la nostra competenza.
Due i punti più critici a mio modo di vedere:
  • la visualizzazione dell’incisura posteriore che ci dice che saremo in grado di intubare il paziente
  • il movimento della mano che inserisce il tubo, orizzontale prima  sino alle corde,  poi verticale ed anteriore così ben decritto nel video.
Grazie a Scott Weingart che mi ha concesso di pubblicare il suo materiale didattico sul blog
  
7

Potresti anche essere interessato a

panacea
Una panacea esiste ?
Intubazione in pronto soccorso: la regola dell’esperienza
Tubo endotracheale o laringeo?
Preossigenare, ossigenare e ancora ossigenare!

Lascia un commento

EMPills newsletter
Leggi gli ultimi post pubblicati sul blog
Rispettiamo la tua privacy