1
Ott
2015
22

“Metalettura” dell’emogasanalisi per il medico d’urgenza (2)

…Dove eravamo rimasti?

Ah, sì: perché il paziente (quello dell’ultima puntata) se respira in aria ambiente non può avere una PO2 maggiore di 50 mmHg?

L’EGA era questo (FiO2 21%; FR 24):

pH      7.39

PCO2 76.7  mm Hg

PO2    48 mm Hg

HCO3 45.6  mEq/L

Il motivo è che Ossigeno e Anidride Carbonica “condividono” uno spazio comune a livello polmonare, per cui se uno dei due gas aumenta,  l’altro si riduce (e viceversa).

Questo concetto è ben espresso dalla “Equazione de Gas Alveolari” (applicazione della Fisica dei Gas):

PAO2 = FiO2 × Palv – (PaCO2/R)

dove:

  • Palv è la pressione barometrica a livello degli alveoli: essa non è identica alla pressione atmosferica (Patm) ma leggermente inferiore; infatti l’aria inspirata viene umidificata nelle prime vie aeree generando vapore acqueo, la cui pressione è stata stimata essere 47 mm Hg. Pertanto la pressione alveolare sarà data dalla Patm  – 47 mm Hg. Se siamo a livello del mare (Patm=760 mm Hg): Palv = 760 – 47 = 713 mm Hg
  • PAO2 (A maiuscola) è la pressione Alveolare di O2
  • PaCO2 è la pressione parziale di CO2 arteriosa
  • R è il quoziente respiratorio, cioè il rapporto tra CO2 prodotta e O2 consumato nei processi di ossido-riduzione a livello mitocondriale; esso è stimato in un valore medio di 0.8 (vale a dire che, mediamente, il nostro metabolismo cellulare consuma un po’ più Ossigeno rispetto alla CO2 prodotta)

Se siamo in aria ambiente (FiO2 0.21) e a livello del mare (Patm 760) e vogliamo calcolare la Pressione Alveolare di un soggetto, sarà sufficiente conoscere la PaCO2 (cioè fare un’EGA). Se la PaCO2 è 40 mm Hg (cioè normale), l’equazione diventa:

PAO2 = 0.21 × 713 – (40/0.8)

 

Fermiamoci un attimo. Vi sembrerà fuori dalla portata del Medico d’Urgenza “perdere” tempo a fare calcoli (esistono comode “app” che ce lo fanno in pochi secondi…che senso ha?). In realtà:

  • il calcolo –vedremo tra un attimo- è più semplice di quello che sembra
  • il concetto è estremamente importante ai fini clinico-diagnostici, soprattutto per capire e trattare le ipossiemie in urgenza

Torniamo all’equazione:

PAO2 = 0.21 × 713 – (40/0.8)

0.21 × 713 = 150  (per l’esattezza farebbe 149.73, ma si può approssimare)

Ora devo dividere la PCO2 per 0.8. Piccolo aiuto: anziché dividere per 0.8 -potrebbe risultare complicato a mente- è più semplice moltiplicare per 1.25 (1/0.8 = 1.25), cioè aggiungere ¼ del valore di partenza.

Mi spiego meglio:

40 × 1.25 = 50

60 × 1.25 = 75

80 × 1.25 = 100 e così via…

Ricapitolando, la PAO2 di un soggetto in aria, a livello del mare, con una PaCO2 di 40 mm Hg sarà:

PA= 150 – (40 × 1.25) = 150 – 50 = 100 mm Hg

 

PAO2

 

Come avrete notato non abbiamo tenuto conto della pressione arteriosa di O2 (PaO2- a minuscola), cioè di quella letta sull’EGA. L’equazione infatti serve proprio a calcolare quanto O2 c’e a livello degli alveoli (non del sangue) e per farlo ha bisogno solo della PaCO2 (e delle altre variabili che abbiamo detto).

 

Torniamo al nostro EGA # 1 dove la PaCO2 è 76.7 e la FiO2 è 0.21; quanto sarà la PAO2?

PAO2 = 150 – (77 × 1.25) = 150 – 96.25 = 53.75

Quindi un paziente che respira aria e ha una PaCO2 di 77 avrà a disposizione negli alveoli una PAO2 pari a circa 54 mm Hg, pertanto, se gli scambi gassosi a livello alveolare sono perfettamente conservati, sul sangue arterioso difficilmente troveremo una PaO2 superiore a 50 mm Hg…a meno che non venga somministrato ossigeno!

 

In pratica:

  • Tutti i soggetti “ipercapnici” sono per forza anche “ipossici” se respirano aria; per esempio:

 – se la PaCO2 è 60 mm Hg:

PAO2 = 150 (60 × 1.25) = 50 – 75 = 75 mm H (la PaO2 potrà essere al massimo 70 mm Hg, comunque sufficiente a garantire una SaO2>90% in assenza si patologie respiratorie acute)

– se la PaCO2 è 80 mm Hg:

PAO2 = 150 – (80 × 1.25) = 150 – 100 = 50 mm Hg (il paziente sarà, anche clinicamente, ipossico e avrà necessità di O2, oltre che di NIV o altro).

  • Se un soggetto, in aria, ha una SpO2 ≥ 90% certamente non avrà una ipercapnia importante:

una SpO2 ≥ 90% corrisponde infatti ad una PaO2 ≥ 60 mm Hg per ottenere la quale a livello Alveolare dovrà esserci una PAO2 ≥ 65 mm Hg (circa). Per l’Equazione dei Gas la PaCO2 dovrà essere minore di 70 mm Hg, valore accettabile anche in termini di pH se il compenso renale è ottimale

(Il calcolo è: PAO2 = 150 – (70 × 1.25) = 150 – 87.5 = 62.5 mm Hg)

  • Se il paziente ha una PaCO2 alta e una PaO2 normale (o alta)  significa che l’EGA è stato fatto durante somministrazione di O2.
  • Se la PaCO2 è bassa, a livello alveolare ci sarà più spazio per l’ossigeno e quindi, se la membrana alveolo-capillare è integra, troveremo PaO2 alte (questo il motivo per cui in caso di ipossia + alcalosi respiratoria è immediato immaginare un problema di “scambio”  a livello polmonare: embolia polmonare, polmonite, ARDS, ecc..)

 

NB: la differenza tra la PAO2 (Alveolare) e la PaO2 (arteriosa) è il famoso Gradiente Alveolo-arteriolare di O2 (V.N. in aria : età/4 ± 4) che rappresenta la capacità di scambio a livello della membrana alveolo-capillare, alterata in caso di insufficienza respiratoria primitivamente ipossica  (“lung failure”) e conservata in caso di ipossiemia secondaria ad ipercapnia  (“pump failure”).

Immagine3

 

E il P/F dove lo metto?  Tutti lo conosciamo, tutti lo usiamo perchè è un valore semplice e rapido da calcolare. Tuttavia, come tutte le cose semplici, non ci aiuta a fare diagnosi; ci dice “solo” se e quanto un soggetto è ipossico. Non ci dice, da solo, perchè.

Se 3 pazienti hanno stessa PaO2 (p.e. 48 mm Hg) e la stessa FiO2 (p.e. 21%) avranno ovviamente lo stesso P/F (230). Ma se, come accade nella vita reale, questi 3 pazienti hanno PaCO2 diverse, il discorso cambia.

Immagine2

Il paziente con PaCO2 alta ha una ipossiemia secondaria all’ipercapnia (ipoventila) il secondo, e ancora di più il terzo, hanno una PAO2 normale – o addirittura alta- ma non scambiano, e quindi avranno un Δ A-a di O2 alterato.

Dunque, a parità di ipossiemia, i meccanismi che la determinano possono essere completamente differenti, e solo tenendo in considerazione la PCO2 (cioè -di fatto- calcolando la PAO2 e quindi il Δ A-a di O2) potrò approcciare e trattare adeguatamente il paziente (NIV, CPAP, trombolisi nell’EP, ecc..).

So che sono concetti un po’ ostici, ma tutti i giorni vediamo e trattiamo, spesso con successo, pazienti con insufficienza respiratoria. Lo facciamo grazie all’esperienza clinica, alle competenze acquisite ma anche – tanto-  al nostro “sapere”.

Sono convinta che, proprio perchè la fisiopatologia respiratoria è un argomento così complesso (e bellissimo) l’approccio sistematico e ragionato dell’EGA rappresenta per il Medico d’Urgenza uno strumento irrinunciabile.

Un abbraccio.

Giovanna

22

Potresti anche essere interessato a

App in Pills – Luglio 2015: EGA Pro
Il segreto delle 2 PCO2
“Metalettura” dell’emogasanalisi per il medico d’urgenza
EGA venoso periferico, qualche dato in più…

3 Commenti

  1. luigi guardati

    grazie per l’ottimo articolo. e’ un’ occasione per ricordare il testo ” EQUILIBRIO ACIDO-BASE. OSSIGENO. FLUIDI ED ELETTROLITI. ” SCHIRALDI. GUIOTTO.
    insieme all’altro testo, ACQUA E SALE. ACIDI E BASI,. CASAGRANDA. GUARIGLIA.SBROJAVACCA.TARANTINO. i due testi sono per me le pietre miliari sull’argomento

    1. Francesco Margarito

      Ottimo articolo, chiaro e completo. Lo studio dell’emogasalisi dovrebbe far parte del bagaglio culturale e professionale di ogni medico d’urgenza e non solo.
      Grazie e complimenti

  2. luigi guardati

    P/F CI AIUTA A CLASSIFICARE LA INSUFF. RESP. COME SEGUE
    400-300 IPOSSIEMIA LIEVE
    300-200 IPOSSIEMIA MODERATA
    <200 IPOSSIEMIA SEVERA ALTRO AIUTO LO FORNISCE IL A-a DO2
    A-a DO2 < 35 IPOSSIEMIA LIEVE
    A-a DO2 35 IPOSSIEMIA MODERATA
    A-a DO2 > 45 IPOSSIEMIA SEVERA
    IL P/F E’ CALCOLABILE DALL’APPARECCHIO EGA SOLO SE COMUNICHIAMO LA FiO2, ALTRIMENTI LO STESSO DA’ PER SCONTATO CHE IL PZ RESPIRA IN ARIA AMBIENTE.
    P/F ANCHE DETTO INDICE DI CARRICO ANDREBBE UTILIZZATO NELLA PRATICA CLINICA PIU’ FREQUENTEMENTE

Lascia un commento

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

EMPills newsletter
Leggi gli ultimi post pubblicati sul blog
Rispettiamo la tua privacy