domenica 16 Giugno 2024

Onda N…di cosa si tratta?

Onda N

L’elettrocardiogramma (ECG) è uno strumento essenziale nella diagnosi della sindrome coronarica acuta (ACS), in quanto estremamente diffuso, di basso costo e di facile interpretabilità.

Storicamente, l’attenzione durante l’interpretazione si concentrata sulle alterazioni del tratto ST, identificando il sopraslivellamento come occlusione totale di un vaso coronarico e il sottoslivellamento come occlusione parziale.

Sfortunatamente, oltre il 25,5% delle occlusioni totali (TO) si presenta senza i classici cambiamenti ST-T sull’ECG di superficie.

                                                                                                                                   Queste alterazioni elettrocardiografiche non caratterizzate da sopraslivellamento del tratto ST ma suggestive di occlusione totale di una arteria coronarica (OMI), sono identificate come pattern “STEMI-equivalenti”.                                                                                                                                                                Sono ormai noti e oggetto di post il pattern di De Winter, la sindrome di Wellens, il sottoslivellamento localizzato etc… ma è poco conosciuta la morfologia dell’onda N e il suo significato patologico.

Le onde N sono presenti nel 10% dei pazienti con occlusione coronarica, in assenza di alterazioni  del tratto ST e sono associate a rischio e necessità di rivascolarizzazione urgente, pari al paziente con STEMI.

Molti studi, come ad esempio quello di Meyers et al. evidenziano come alcune alterazioni elettrocardiografiche diverse dal sopraslivellamento del tratto ST, possano identificare le occlusioni coronariche totali, più precocemente e in maniera più accurata.

da archivio personale

Questo tracciato appartiene a un paziente con un occlusione completa della circonflessa.

Nell’occlusione dell’arteria circonflessa, molto spesso si assiste a una significativa differenza tra i valori della troponina e le alterazioni elettrocardiografiche, che possono essere modeste o del tutto assenti.

Infatti circa il 30 % delle occlusioni totali della circonflessa, a causa di una limitazione definita “area cieca”, esitano in elettrocardiogramma non diagnostico, principalmente perché nessuna delle 12 derivazioni standard è applicata in corrispondenza della parete infero-laterale-basale.

In letteratura ci sono molti tentativi di identificare un pattern elettrocardiografico, suggestivo di occlusione della circonflessa.                                                          

Niu et al. sono stati i primi a segnalare la presenza della così detta “onda N ” e delle modificazioni del complesso QRS nelle fasi iniziali dell’occlusione della circonflessa.

Definizione

Le onde N sono definite come:

  • Una tacca o una deflessione nella parte terminale del complesso QRS sull’ECG di superficie
  • L’altezza dell’incisione o della deflessione è > 2 mm
  • Un continuo cambiamento dell’incisura nelle 24 ore, come la scomparsa o la transizione nell’onda S e il prolungamento della durata del QRS in queste derivazioni evidenzia l’attivazione ritardata nella zona ischemica.
  • La presenza dell’onda N nella derivazione D II, D III e aVF è associata rispettivamente al 77% di sensibilità e all’89% di specificità per una lesione della circonflessa.

Quindi in un contesto clinico adeguato, l’onda N terminale quando presente nelle derivazioni inferiori è spesso suggestiva di OMI.

da archivio personale

Da non confondere con l’onda J, tipicamente presente in V3 o V4 che è suggestiva di ripolarizzazione precoce.

Il tracciato che segue, appartiene a una paziente con troponina elevata e ostruzione della circonflessa alla coronarografia.

da archivio personale

Un altro caso clinico riguarda un paziente con toracoalgia irradiata al dorso da alcune ore.

Il primo ecg evidenzia un sottoslivellamento inferiore con specularità in aVL che sembrerebbe suggestivo di STEMI laterale alto ma viene refertato come “alterazioni aspecifiche…”.

da archivio personale

Un secondo ECG alcuni minuti più tardi, dimostra un importante cambiamento della morfologia con la comparsa di onda N.

da archivio personale

La coronarografia ha evidenziato una Cx di piccolo calibro con stenosi subocclusiva del tratto ostiale.

Crochetage sign

Esiste poi una morfologia simile, definita Crochetage sign che si caratterizza per una incisura dell’onda R nelle derivazioni inferiori.

Tipicamente questa morfologia si associa a una deviazione assiale destra, a una ipertrofia ventricolare destra e a una morfologia suggestiva di BBD, spesso incompleto.

Questo quadro elettrocardiografico è suggestivo di difetto del setto interatriale.

da archivio personale

QRS frammentato

Esiste poi una morfologia simile alle precedenti, con interessanti risvolti prognostici, la frammentazione del QRS.

Il QRS frammentato è definito come:

  • Presenza di un’onda R’ o una incisura nell’onda R o S, in due derivazioni contigue, corrispondenti a un area irrorata da un’arteria coronarica maggiore, in presenza di QRS non slargato (<80ms) e in assenza di pattern caratteristici di BBD o BBS.                                                                                                                                                     
  • Due o più incisure nell’onda R o S, in due o più derivazioni contigue, in presenza di un QRS slargato (>120 ms)                                                                                                                               

Per derivazioni contigue si intendono le derivazioni anteriori (V1 -V5), laterali (DI, aVL e V6) o inferiori (II, III e aVF).

Indica una depolarizzazione eterogenea del miocardio ventricolare che può verificarsi a causa di ischemia o fibrosi.   

                                                                                                                                   Recentemente, è stato dimostrato che la presenza di QRS frammentato (fQRS) su un elettrocardiogramma di superficie a dodici derivazioni (ECG) di routine, può evidenziare la gravità del coinvolgimento cardiaco in varie malattie cardiache e sistemiche.

da archivio personale
da archivio personale

Patogenesi

Il QRS frammentato è il risultato di una depolarizzazione eterogenea del miocardio ventricolare che come abbiamo visto può verificarsi a causa di ischemia, fibrosi o cicatrice.  In alcuni casi, una canalopatia può essere alla base della depolarizzazione eterogenea.                                      

Il fQRS può verificarsi nelle patologie cardiache primarie o nel coinvolgimento cardiaco nelle malattie sistemiche.

Coronaropatia

È stato osservato che il fQRS è spesso presente, nei pazienti che presentano un rallentamento del flusso coronarico all’esame angiografico, può essere quindi considerato un marker di disfunzione coronarica microvascolare.                                                                                                                                    Non è noto un marker elettrocardiografico patognomonico per questa patologia e quindi la frammentazione del QRS potrebbe essere l’unico segno non invasivo disponibile.           

Nel contesto della coronaropatia epicardica, il fQRS è associato a malattia multivasale, riduzione della tensione circonferenziale globale e maggiore incidenza di eventi cardiaci clinici.                                                 

Nei pazienti colpiti da una sindrome coronarica acuta, lo sviluppo di fQRS entro 48 ore dalla presentazione supporta fortemente la possibilità di significativa necrosi miocardica. 

                                                    Nell’infarto miocardico senza sopraslivellamento del tratto ST, la presenza di fQRS è un significativo predittore di elevata mortalità.                                                                                                                                    Nel contesto di uno STEMI, la presenza di fQRS è associata a una ridotta frazione di eiezione, a livelli di troponina più elevati, a una lesione coronarica prossimale o trivasale e infine a una minore efficacia di una eventuale trombolisi farmacologica.

Cardiomiopatia dilatativa e miocardite non ischemica

Nella cardiomiopatia dilatativa non ischemica, il fQRS è associato a fibrosi cardiaca con un significativo aumento della mortalità e dell’incidenza di aritmie ventricolari.                    Il QRS frammentato è considerato un marcatore di danno miocardico nella cardiomiopatia di takotsubo.

Ipertrofia ventricolare sinistra

Sebbene il significato del fQRS per l’identificazione dell’ipertrofia ventricolare sinistra (LVH) nei pazienti con ipertensione sia limitato, questo reperto elettrocardiografico è associato a un rischio più elevato di peggioramento e prognosi negativa, oltre che di disfunzione diastolica.

La sua presenza è attribuita a un aumento del deposito di collagene miocardico e alla fibrosi.

Aritmie e morte improvvisa

Diversi studi dimostrano chiaramente come la presenza del fQRS sia un predittore di eventi aritmici, oltre a essere associato alla presenza di frequenti BEV nei pazienti senza cardiopatia strutturale e precede spesso l’insorgenza di fibrillazione atriale.

La displasia aritmogena del ventricolo destro è una cardiopatia strutturale geneticamente determinata, caratterizzata dalla sostituzione fibro-adiposa di parte del miocardio ventricolare destro.                                              La presenza di fQRS ha un valore diagnostico in questa malattia.                          

Inoltre, il numero di derivazioni ECG con fQRS è correlato alla gravità della malattia, inclusa la presenza del coinvolgimento del ventricolo sinistro e predice eventi aritmici clinicamente rilevanti.

Nella sindrome di Brugada, la presenza di fQRS aumenta l’incidenza di sincope e fibrillazione ventricolare, può quindi essere considerata una indicazione al posizionamento precoce di un ICD.

Nella sindrome del QT lungo, la presenza del fQRS permette di identificare i pazienti maggiormente a rischio di torsione di punta e di morte aritmica.

Yang et al. hanno osservato che la regressione di fQRS dopo la terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT).

Coinvolgimento cardiaco in altri disturbi

Il QRS frammentato suggerisce il coinvolgimento cardiaco nei pazienti con sarcoidosi, lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, sclerosi sistemica, sindrome metabolica e altre malattie sistemiche granulomatose.

La frammentazione del QRS, specialmente nelle derivazioni precordiali laterali (derivazioni I, aVL e V6) o in due o più territori anatomici, è un marker di rischio indipendente di morte improvvisa nella popolazione generale.

Tuttavia, va sottolineato che la presenza di una frammentazione del QRS va contestualizzata nel contesto clinico generale.

La sua presenza nelle derivazioni precordiali anteriori (da V1 a V5) e laterali (I, aVL e V6) è più specifica per conseguenze cliniche, rispetto alla sola presenza nelle derivazioni inferiori.

Fonti

  • Mochamad Yusuf Alsagaff, Louisa Fadjri Kusuma Wardhani, Iswanto Pratanu, Dian Paramita Kartikasari, Pieter A Doevendans.                                                          NSTEMI with total left circumflex occlusion: how the N-wave might help (case report)       Oxford Medical Case Reports, Volume 2022, Issue 2, February 2022.
  • Niu   T, Fu   P, Jia   C, Dong   Y, Liang   C, Cao   Q, et al.   The delayed activation wave in non-ST-elevation myocardial infarction. Int J Cardiol  2013;162:107–11.
  • Yang   T, Chen   J, Liu   X, Xu   C, Niu   T, Fu   X, et al.   Non-ST-elevated myocardial infarction with “N” wave onelectrocardiogram and culprit vessel in left circumflex has a risk equivalent to ST-elevated myocardial infarction. Clin Cardiol  2019.
  • Wall   J, White   LD, Lee   A. Novel ECG changes in acute coronary syndromes. Would improvement in the recognition of ‘STEMI-equivalents’ affect time until reperfusion?  Intern Emerg Med  2018
  • Pendell Meyers   H, Bracey   A, Lee   D, Lichtenheld   A, Li   WJ, Singer   DD, et al.   Accuracy of OMI ECG findings versus STEMI criteria for diagnosis of acute coronary occlusion myocardial infarction. IJC Heart Vasc  2021
  • Wang   TY, Zhang   M, Fu   Y, Armstrong   PW, Newby   LK, Gibson   CM, et al.   Incidence, distribution, and prognostic impact of occluded culprit arteries among patients with non – ST-elevation acute coronary syndromes undergoing diagnostic angiography. Am Heart J  2009;
  • Moustafa   A, Abi-Saleh   B, El-Baba   M, Hamoui   O, AlJaroudi   W. Anatomic distribution of culprit lesions in patients with non-ST-segment elevation myocardial infarction and normal ECG. Cardiovasc Diagn Ther  2016
  • Toscano Barboza E, Brandenburg RO, Swan HJ. Atrial septal defect: the electrocardiogram and its hemodynamic correlation in 100 proved cases. Am J Cardiol. 1958;2:698–713.
  • Davia JE, Cheitlin MD, Bedynek JL. Sinus venosus atrial septal defect: analysis of fifty cases. Am Heart J. 1973; 85: 177–185.
  • Fournier A, Young ML, Garcia OL, Tamer DF, Wolff GS. Electrophysiologic cardiac function before and after surgery in children with atrioventricular canal. Am J Cardiol. 1986; 57: 1137–1141.
  • Heller J et al. “Crochetage” (Notch) on R wave in inferior limb leads: A new independent electrocardiographic sign of atrial septal defect. J Am Coll Cardiol. 1996 Mar, 27 (4) 877–882
  • Ay H, Buonanno FS, Abraham SA, Kistler JP, Koroshetz WJ. An electrocardiographic criterion for diagnosis of patent foramen ovale associated with ischemic stroke. Stroke. 1998 Jul;29(7):1393-7
  • Jost CH, Connolly HM, Danielson GK, Bailey KR, Schaff HV, Shen WK, Warnes CA, Seward JB, Puga FJ, Tajik AJ. Sinus venosus atrial septal defect: long-term postoperative outcome for 115 patients. Circulation. 2005; 112: 1953–1958.
  • Steger A, Sinnecker D, Berkefeld A, Müller A, Gebhardt J, Dommasch M, et al. Fragmented QRS. Relevance in clinical practice. Herzschrittmacherther Elektrophysiol 2015;
  • Yilmaz H, Gungor B, Kemaloglu T, Sayar N, Erer B, Yilmaz M, et al. The presence of fragmented QRS on 12-lead ECG in patients with coronary slow flow. Kardiol Pol 2014;
  • Yan GH, Wang M, Yiu KH, Lau CP, Zhi G, Lee SW, et al. Subclinical left ventricular dysfunction revealed by circumferential 2D strain imaging in patients with coronary artery disease and fragmented QRS complex. Heart Rhythm 2012
  • Das MK, Michael MA, Suradi H, Peng J, Sinha A, Shen C, et al. Usefulness of fragmented QRS on a 12-lead electrocardiogram in acute coronary syndrome for predicting mortality. Am J Cardiol 2009;104:1631-7. 
  • Bekler A, Gazi E, Erbag G, Peker T, Barutçu A, Altun B, et al. Relationship between presence of fragmented QRS on 12-lead electrocardiogram on admission and long-term mortality in patients with non-ST elevated myocardial infarction. Turk Kardiyol Dern Ars 2014;
  • Tanriverdi Z, Dursun H, Simsek MA, Unal B, Kozan O, Kaya D. The predictive value of fragmented QRS and QRS distortion for high-risk patients with STEMI and for the reperfusion success. Ann Noninvasive Electrocardiol 2015;20:578-85. 
  • Basaran Y, Tigen K, Karaahmet T, Isiklar I, Cevik C, Gurel E, et al. Fragmented QRS complexes are associated with cardiac fibrosis and significant intraventricular systolic dyssynchrony in nonischemic dilated cardiomyopathy patients with a narrow QRS interval. Echocardiography 2011;
Articolo precedente
Articolo successivo
Francesco Patrone (Fra Doc)
Francesco Patrone (Fra Doc)
Medico Medicina d’emergenza. Ospedale policlinico San Martino di Genova. Dipartimento di emergenza e accettazione. U.O. Servizio 118 Genova Soccorso. Servizio elisoccorso regione Liguria Appassionato di tutto quello che riguarda l’emergenza sanitaria.... | @fpatrone

2 Commenti

    • Grazie per il contributo Prof, non ho mai trovato nulla in merito, di solito si ricerca nelle derivazioni inferiori ma potrebbe essere un’ idea.
      Un saluto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

dal nostro archivio

I più letti