21
Feb
2018
3
open-doors

Pielonefrite acuta: chi ricoverare

La storia

Margherita è un donna di circa 35 anni. E’ sempre stata bene. Da alcuni giorni ha iniziato ad avere stranguria e pollachiuria e poi è arrivata la febbre e un fastidioso dolore lombare.

La diagnosi di peilonefrite acuta è quasi ovvia e viene supportata da un’esame urine compatibile con un’infezione delle vie urinarie e dall’ecografia che evidenzia una lesione ipoecogena renale.

Gli ematici dimostrano una leucocitosi neutrofila, i GB infatti sfiorano i 20.000 e una PCR stellare di quasi 300.

Le condizoni generali sono discrete, anche se Margherita sembra provata da giorni di febbre.

I parametri vitali sono normali e all’EGA venoso anche i lattati sono in limiti di norma.

L’ecografia non mostra idronefrosi.

Iniziamo una terapia antidolorifica e una antibiotica empirica endovenosa, non prima di aver raccolto campioni per uro ed emocolture.

La domanda che mi fa subito Margherita é:”devo rimanere in ospedale?”

La risposta non è semplice. Ammetto di avere visto in un paio di occasioni, pazienti apparentemente “tranquilli” virare rapidamente verso la sepsi e lo shock settico, per cui in genere sono piuttosto prudente.

Questo atteggiamento è però supportato da dati di letteratura? Trattenere questi pazienti in ospedale fa veramente il loro bene?

Sono così andato a vedere, facendo una piccola ricerca su Pubmed, Dynamed Plus e UpToDate.

Vediamo cosa ho trovato.

 

BVS-piemonte

Definizione

La pielonefrite  è spesso definita dagli autori anglosassoni come  un’infezione delle vie urinarie complicata, per differenziarla dalla cistite ( infezione delle vie urinarie non complicata), dove la malattia risulta confinata alla sola vescica.

Qualsiasi dei seguenti sintomi e segni rappresenta un’estensione dell’infezione oltre la vescica: (1)

  • Febbre (>99.9°F/37.7°C) – Questa soglia non deve essere interpretata come assoluta, ma andrebbe individualizzata.
  • Altri segni e sintomi di una malattia sistemica come ad esempio brividi e tremori
  • Dolore al fianco
  • Dolorabilità dell’angolo costo-vertebrale
  • Dolore pelvico o perineale  nell’uomo che può suggerire una prostatite di accompagnamento.

 

 

Sul New England è stata recentemente pubblicata una revisione sull’argomento dal titolo Acute pyelonefritis in Adults (2) e per quanto riguarda la definzione e i criteri diagnostici le cose sembrano un pochino più complicate.

E’ infatti  opinione comune avanzare il sospetto diagnostico di peielonefrite acuta in presenza di sintomi di infezione delle vie urinarie e febbre indipendentemente dalla presenza di dolore al fianco o dolorabilità, ma non vi è accordo riguardo ai criteri diagnostici.

Sino al 20% dei pazienti infatti non presenta sintomi urinari e alcuni neanche la febbre (3)

Alcuni studi poi  non hanno incluso pazienti con dolore al fianco o la dolorabilità in sede costovertebrale

La percentuale di pazienti che sviluppano una batteriemia è variabile ( <10 to >50% ) dipendendo da diversi fattori: (4 5)

  • gravità della malattia
  • ostruzione delle vie urinarie
  • immunodepressione
  • età ≥ 65 anni

 

Fattori di rischio

Ci sono una serie di fattori di rischio che predispongono alla pielonefrite

  • fattori di rischio per la cistite
    • attività sessuale
    • nuovo partner sessuale
    • uso di spermcidi
    • storia personale o materna di infezione delle vie urinarie

Al riguardo è bene sottolineare però che solo il 3% delle pazienti che sviluppano una cistite o una batteriuria poi sviluppano una pielonefrite

  • Fattori che impediscono il deflusso dell’urina
    • gravidanza
    • ostruzione meccanica
  • Altre cause
    • Predisposizione genetica come si osserva nella bassa espressività del  gene CXCR1
    • alta carica microbica
    • alta virulenza del patogeno responsabile dell’infezione
    • forse il diabete mellito

 

Patogenesi e decorso clinico

La pielonefrite è di solito secondaria alla colonizzazione della vescica da parte di eneterobatteri che successivamente risalgono sino al rene.

Appropriatamente trattata ha un’evoluzione favorevole e, negli stati Uniti, solo il 20% dei pazienti viene ricoverato.

la guarigione richiede sino a 5 giorni e se il paziente non migliora o peggiora dopo 24 -48 ore esiste la possibilità che siano insorte delle complicazioni.

  • ostruzione associata a
    • urolitiasi
    • tumori
    • drepanocitosi
    • diabete
  • ascesso renale o perirenale
  • pielonefrite enfisematosa
  • insufficienza renale
    • lieve-moderata in genere legata alla disidratazione
    • grave ( rara in assenza di fattori predisponenti quali l’ostruzione

La recidiva della pielonefrite è un evento non comune che interessa meno del 10% dei pazienti e suggerisce la presenza di fattori predisponenti

 

pyelonefritis_eco

Diagnosi e trattamento
 L’urocoltura rappresenta l’esame cardine per la diagnosi e conseguentemente anche per il trattamento. La diagnostica per immagini indicata in teoria solo nelle forme severe.
Credo che su questi temi vi sia grande dibattito e divergenza tra teoria e pratica clinica, per questo motivo penso meritino un post a se.

 

Vediamo quindi al tema di oggi: chi ricoverare
In tema di ospedalizzazione le cose non sono mai tanto semplici, infatti la prima frase che leggiamo al riguardo su UpToDate è che la decisione va individualizzata 
Scontato il ricovero nel paziente settico o critico (critically ill nella lingua inglese)
Altre indicazioni generiche sono rappresentate da:
  • febbre persistentemente elevata (>38.4°C/>101°F)
  • dolore fortemente debilitante
  • impossibilità all’idratazione o all’assunzione dei farmaci
  • sospetta ostruzione delle vie urinarie

La maggior parte dei pazienti comunque può essere trattato in modo sicuro  ambulatorialmente.

A questo riguardo  viene citato uno studio, peraltro alquanto datato, pubblicato su Ann Emerg Med (6), su 44 pazienti trattati per 12 ore in DEA con terapia antibiotica per via parenterale e poi successivamente dinmessi.

Dynamed Plus non affronta il tema delle indicazioni all’ospedalizzazione anche se indirettamente possiamo immaginare cje le forme complicate di pielonefrite siano quelle per cui è necessario il ricovero.
L’articolo del New England è certamente il più organico e propone uno specifico algoritmo cui vi rimando. Vediamo nello specifico
Indicazioni al ricovero immediato 
  • Sepsi o shock settico
  • Condizioni di fragilità
  • paziente immunodepresso
  • Mallattia severa associata
  • Debole condizione socio-economica
  • impossibilità ad assumere terapia per os

Indicazioni all’osservazione in pronto soccorso

  • Ipovolemia clinicamente significativa
  • Paziente moderatamente ammalato
  • Nausea e vomito

In assenza delle condizioni soperaelencate il paziente può essere dimesso.

Cosa è successo a Margherita?
La paziente dopo 24 ore di osservazione in DEA  era ancora febbrile ed è stata ricoverata in nefrologia.

 

decisions

 

Considerazioni personali

Risuta del tutto evidente che al di la delle condizioni di criticita, nessuno si sognerebbe mai di dimettere un paziente settico,  e di impossibilità ad assumere la terapia per os, la decisione di dimettere o ricoverare è fortemente influenzata dall’impressione clinica che il medico di pronto soccorso si è fatto di quel/quella paziente e del potenziale rischio evolutivo.

Personalmente ho in questi casi un atteggiamento piuttosto prudente, ma la decisione credo vada assolutamente condivisa con il paziente.

Dimettere un paziente a rischio non è certo un bene come, d’altra parte, ricoverare un paziente che potrebbe ricevere le stesse cura nell’ambiente più confortevole di casa propria.

Come quindi inquadrare il paziente e  quali farmaci usare? Di questo ovviamente parleremo in un prossimo post.

 

Bibiografia
  1. UpToDate  Acute complicated urinary tract infection (including pyelonephritis) in adults
  2. Acute pyelonefritis in adults  N Engl J Med 2018 Jan 4;378(1):48-59.
  3. Antibiotic treatment for acute ‘uncomplicated’ or ‘primary’ pyelonephritis: a systematic, ‘semantic revision’ International Journal of Antimicrobial Agents 28S (2006) S49–S63
  4. Blood cultures for women with uncomplicated acute pyelonephritis: are they necessary? Clin Infect Dis 2003 Oct 15;37(8):1127-30
  5. Usefulness of Blood Cultures and Radiologic Imaging Studies in the Management of Patients with Community-Acquired Acute Pyelonephritis. Infect Chemother. 2017 Mar;49(1):22-30. doi: 10.3947/ic.2017.49.1.22.
  6. Treatment of pyelonephritis in an observation unit .Ann Emerg Med. 1991 Mar;20(3):258-61
3

Potresti anche essere interessato a

no_dolore
Manovra di Giordano: pura cattiveria
waterfall
Dottore, avrò la cistite?
cura-peggio-del-male
Quando la cura è peggio del male…
Il diritto-dovere di ricoverare

Lascia un commento

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

EMPills newsletter
Leggi gli ultimi post pubblicati sul blog
Rispettiamo la tua privacy