sabato 24 Febbraio 2024

Trauma maggiore nell’anziano: pelvi e arti

Continuiamo la lettura delle linee guida del London Major Trauma System sul trauma maggiore nell’anziano.

L’argomento di oggi sono le lesioni della pelvi e quelle complesse degli arti.

Lesioni della pelvi

Gli autori delle linee guida sottolineano che queste andrebbero lette insieme ad altre già pubblicate sull’argomento quali:

 

Valutazione della compromissione emodinamica

L’anziano ha una scarsa capacità di adattamento all’instabilità emodinamica.

In generale  lo shock ipovolemico può essere difficile da diagnosticare a causa di:

  • ipertensione pre-esistente
  • alterata riserva cardiovascolare
  • terapia con betabloccanti

Una precoce valutazione dei lattati dell deficit di basi e dei valori di emoglobina all’arrivo possono essere di aiuto indipendentemente dal meccanismo traumatico.

Tutti i pazienti anziani vittime di trauma  con una sospetta frattura pelvica dovrebbero essere valutati da un trauma team.

Uno stabilizzatore del bacino dovrebbe far parte dei presidi per controllare l’emorragia nei trauma della pelvi.

In ogni caso la durata dell’applicazione di questo presidio non dovrebbe superare, nel soggetto anziano con precaria integrità cutanea, le 12 ore.

 

 

 

Lesioni traumatiche della pelvi
  • Una  TC urgente del bacino deve essere richiesta in ogni paziente anziano sintomatico per dolore o ridotta mobilità.
  • Lesioni complesse della pelvi dovrebbero essere valutate e gestite da un chirurgo ortopedico specializzato per queste lesioni.
  • il trattamento chirurgico, che comprende anche la chirurgia mini-nvasiva, può essere indicato in qualsiasi fascia di età.

 

Fratture acetabolari
  • pazienti anziani con frattura acetabolare andrebbe valutati da un trauma team e possibilmente trasferiti.
  • la valutazione specialistica eseguita entro 12 ore dalla diagnosi

 

 

acetabularfracX
By James Heilman, MD – Own work, CC BY-SA 3.0,
Wikipedia Acetabular fracture

 

Lesioni traumatiche complesse degli arti inferiori

Sono sostanzialmente costituite da 3 gruppi

  • complesse o ad alta energia open fractures e severe degloving fractures 
    • richiedono valutazione specialistica secondo protocolli locali e linee guida NICE e BOAST
    • l’amputazione degli arti nel paziente anziano è più rischiosa,uno sbrigliamento e  la fissazione precoce andrebbero preferiti, in base alla valutazione specialistica
  • fratture osteoporotiche perarticolari con cute in buone condizioni
    • in questi casi è consigliabile preferire alla fissazione interna la protesi articolare o l’artrodesi
  • fratture periprotesiche
    • revisione e sostituzione della protesi rappresentano i trattamenti consigliati

Prioritario in tutte le fratture complesse  degli arti il recupero della mobilità, del carico evidentando l’allettamento prolungato.

 

Considerazioni personali

Questo capitolo delle linee guida della LMTS è focalizzato più sulla logistica che sul ” cosa fare” da parte che gestisce in prima battuta questi pazienti.

Una cosa importante da sottolineare e credo sia il messaggio: i pazienti meno stazionano sulla barella spinale rigida meglio è!

Questa regola generale diventa un imperativo categorico quando il paziente è un anziano

Carlo D'Apuzzo
Carlo D'Apuzzo
Ideatore e coordinatore di questo blog | Medico d'urgenza in quiescenza | Former consultant in Acute Medicine | Specialista in medicina interna indirizzo medicina d’urgenza e in malattie dell’apparato respiratorio | #FOAMed supporter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

dal nostro archivio

I più letti